Psicologia penitenziaria e profili criminologici

Presentazione

NEWS

Bando di concorso per all’assegnazione di 5 borse di studio erogate da INPS  


Perché un Master in Psicologia penitenziaria?
Sebbene la figura dello psicologo penitenziario (“ex art. 80”) sia, ad oggi, solo “tratteggiata”, il “contesto carcere” pone quotidianamente alla scienza psicologica articolate e complesse domande relative sia alla valutazione sia alle prospettive trattamentali del detenuto, vanno inoltre considerate le questioni inerenti il supporto agli operatori penitenziari.
La peculiarità degli interventi psicologici entro la realtà intramuraria non autorizza ad un uso generico della strumentazione psicologica, le caratteristiche di questa istituzione condizionano il soggetto sia sotto il profilo intrapsichico che comportamentale e influenzano le dinamiche professionali di coloro che vi operano; piuttosto si rende necessario l’utilizzo di metodologie di intervento specifiche, cioè adatte alle problematicità della esperienza detentiva, ai moventi e alle azioni che hanno determinato tale esito, alla progettualità per il futuro entro e fuori dal carcere, ai ruoli e all’identità dei professionisti penitenziari.
In questa ottica il Master in Psicologia penitenziaria, nella sua prima edizione, si propone di selezionare e preparare professionisti di eccellenza che vogliono sviluppare le conoscenze e le abilità necessarie ad operare nell’ambito penitenziario.

Emanuela Saita, Direttore del Master

Brochure

Anno accademico
2016/2017
Facoltà
Facoltà di Psicologia
Sede proponente
Milano
Sede didattica
Milano
Scadenza bando
31 ottobre 2016